Perché ai messicani piace festeggiare il Dia de los Muertos ?

Negli ultimi anni, il Dia de los Muertos è una manifestazione che si sente nominare in tutto il mondo, ma Perché ai messicani piace festeggiare il Dia de los Muertos? Non solo è importante ma siamo orgogliosi e contenti di festeggiare e condividere questa bellissima festa…

Il dia de muertos è una tradizione che si tramanda di generazione in generazione e fa si che questa festa diventi sempre più grande e più conosciuta (e riconosciuta)… ma al di la della tradizione, il dia de muertos è sempre una festività che ci permette di passare del tempo con le nostre famiglie… e credo che già questo possa bastare come ragione per festeggiare 😊
Non ti basta? ecco a te altre ragioni del perché ai messicani piace festeggiare il Dia de los Muertos

5 ragioni che spiegano perché noi messicani andiamo pazzi per il dia de muertos:

1. Tutti abbiamo qualcuno che vorremmo riabbracciare

perche-ai-messicani-piace-festeggiare-il-Dia-de-los-muertos
Foto: Isela Rivera

La morte fa parte del ciclo della vita… In tutte le famiglie c’è qualcuno che è “passato a miglior vita” prima di noi. il Dia de Muertos però ci permette di tener vivo il ricordo del nostro parente o amico.
I messicani dicono speso, che durante le celebrazioni del dia de muertos, si sente la presenza viva di questa persona. La sentono dal momento che si preparano le sue pietanze, mentre si allestisce il loro altar de muertos o mentre si fa visita in cimitero. Questa sensazione, al contrario di quanto si possa pensare, è una bella sensazione di ritrovamento, una sensazione di sentirli vicini ancora una volta… è come se avessimo l’opportunità di poterli riabbracciare nuovamente.

 

2. L’odore e il sapore del cibo e le pietanze tipiche

perche-ai-messicani-piace-festeggiare-il-Dia-de-los-muertos
Foto: Alejandra Beker

Essendo questa una vera e propria festività, non possono mancare le pietanze tipiche con i loro aromi e sapori particolari. I messicani diventano matti con il tradizionale “pan de muertos” (un pane dolce aromatizzato all’arancia), il dolce di zucca (dulce de calabaza) e la cioccolata calda.

Perche-ai-messicani-piace-festeggiare-il-Dia-de-los-muertos
Foto: Gabriel Flores Romero

In più ci sono i teschietti di zucchero! las calaveritas sono dolcetti fatti con lo zucchero, anche se questi non sempre vengono mangiati.

 

3. Ci fa ricordare la nostra infanzia

Perche-ai-messicani-piace-festeggiare-il-Dia-de-los-muertos-bambini
Foto di: Randy Talley

Che bambino messicano non si è riempito la pancia mangiando pan de muertos, calaveritas e le caramelle che gli venivano regalate in questo periodo?
Ad ogni celebrazione di dia de muertos, da adulti, ricordiamo come quando eravamo piccoli, si festeggiava questa giornata insieme a tutta la famiglia che magari non vedevamo da un po’. Le serate con i cuginetti per portare i fiori in cimitero per i nonni. Partecipare alla elaborazione degli altar de muertos e le decorazioni della casa… quanto era bello uscire per strada con gli amichetti o cuginetti e chiedere “dolcetto scherzetto – messicano“…

 

4. I colori allegri delle strade e le case

Perche-ai-messicani-piace-festeggiare-il-Dia-de-los-muertos-colori
Foto di: Razi Machay

Anche se sentire dire “Dia de los muertos” ti porta alla mente l’idea della morte, in questa festività si celebra la vita! E la vita si “refleja” negli addobbi delle case, delle strade e dei cimiteri.. Strade piene di colori allegri, di fiori, di altari. Il suono del papel picado di mille colori. Ovunque tu ti giri vedrai gente allegra e sorridete, che prega, canta o balla insieme a un gruppo di mariachis.

perche-ai-messicani-piace-festeggiare-il-Dia-de-los-muertos
Foto: Giorno dei morti Roma 2016

5. E’ un simbolo d’identità nazionale

Perche-ai-messicani-piace-festeggiare-il-Dia-de-los-muertos-identita
Foto di: Larry Lamsa

Dicono che è importante sapere da dove vieni per capire chi sei. Il Dia de los muertos è una festività tramandata per generazioni dagli antiche culture precolombiane. Questa festività ci ricorda le nostre radici e da qualche anno, dopo il riconoscimento dell’Unesco di questa festività come patrimonio culturale dell’umanità, ci da un senso d’identità nazionale soprattuto per noi messicani che non abitiamo più in Messico.

 

Ringraziamenti: 
Questo articolo è stato possibile grazie ai contributi dei messicani in Italia. Grazie infinite!

Foto copertina: Larry Lamsa